Attività

Conferenze   Conferenze
  Entra qui...
Formazione  Formazione
  Entra qui...
Pubblicazioni  Pubblicazioni
  Entra qui...
Advocacy   Advocacy
  Entra qui...
Multimedia   Multimedia
  Entra qui...
Banner
Social Watch: affrontare la crisi economica rispettando i diritti umani Stampa E-mail
La risposta alla crisi globale sta nel ripartire dai diritti umani. Questo l’appello lanciato dal tredicesimo rapporto della rete di organizzazioni mondiali della società civile Social Watch, presentato oggi a Roma. In base ai dati, sono troppo lenti i progressi nella lotta alla povertà,. Si rischia di fallire gli obiettivi del millennio fissati per il 2015. Nessun passo avanti, poi, nel cammino verso la parità uomo donna per oltre la metà delle donne del mondo. Critiche dal rapporto anche alle forme di misurazione della qualità della vita usate finora. Al microfono di Linda Giannattasio sentiamo Jason Nardi, coordinatore della coalizione italiana Social Watch:

R. – Il rapporto Social Watch presenta un quadro della situazione ogni anno, rispetto agli impegni già presi dai governi; quindi non nuove richieste, ma impegni già presi dai governi nei vari summit delle Nazioni Unite. In particolare sulla lotta alla povertà, lo sviluppo sociale e la parità di genere. Ma poi abbraccia un po’ tutti i campi di sviluppo economico, sociale e culturale. Quello che evidenziamo è che gli indicatori che vengono maggiormente usati oggi non solo non sono sufficienti, ma danno anche un quadro diverso, distorcente della realtà; se usiamo il Pil per misurare lo sviluppo, la crescita ed il benessere di un Paese, abbiamo una visione distorta. Tant’è vero che non è stato possibile intravedere l’arrivo della crisi finanziaria solo guardando agli indici di crescita economica del Paese. Tra l’altro, questi non corrispondono ad una reale crescita del benessere dei cittadini.
 
D. – Come si misura, quindi, la qualità della vita delle persone, come la misura il rapporto, e quali sono i risultati più importanti che emergono?

R. – Si misura partendo dal loro accesso ai servizi essenziali, da quanto i loro diritti fondamentali sono rispettati, dal fatto che ci sia educazione universale per tutti, che ci sia una casa a disposizione di tutta la popolazione. E' importante che l’accesso al servizio sanitario non sia negato perché non si ha un reddito sufficiente, e così via. Allora, misurando ognuno di questi indicatori, si arriva ad avere un quadro che ci dice che, negli ultimi 20 anni, si è avuto non tanto un progresso – come ci fa sembrare la crescita economica di molti Paesi emergenti - ma in molti casi una crescita in negativo, perché le sacche di povertà sono aumentate. Abbiamo nuovi poveri. Magari poveri che lavorano anche, ma sono “working poor”, cioè sono una fascia che non arriva a fine mese. Questo è un problema che non riguarda ovviamente solo l’Italia ma il mondo intero.

D. – La coalizione italiana si propone, quest’anno, l’obiettivo di ripartire dai diritti umani…

R. – Ripartire dai diritti umani significa esattamente questo: che gli investimenti pubblici, le politiche che si fanno non devono andare a riempire nuovamente un buco senza fine di politiche finanziarie e di speculazioni. Non basta mettere una toppa ad un sistema che ha falle da tutte le parti; bisogna ripartire dal garantire ai cittadini i loro diritti essenziali, e questo investendo i denari pubblici ed attirando investimenti proprio su quei settori che sono meno coperti. Perché si riescono a trovare improvvisamente mille miliardi di dollari per coprire i cattivi investimenti in tutto il mondo e non si riescono a trovare 100 miliardi per gli obiettivi di sviluppo del millennio?

Fonte: Radio vaticana.
[http://www.oecumene.radiovaticana.org/it1/Articolo.asp?c=267252]
 
evden evenakliyeevden eve nakliyatevden eve

escort bursa escort ankara escort eskisehir